'I super ricchi scelgono il loro posto nel mondo - e pagano per questo'

Interview

Come gli Stati vendono i diritti civili

'I super ricchi scelgono il loro posto nel mondo - e pagano per questo'

'I super ricchi scelgono il loro posto nel mondo - e pagano per questo'
'I super ricchi scelgono il loro posto nel mondo - e pagano per questo'

09 januari 2023

Chi di noi può davvero diventare un cittadino globale? La giornalista Atossa Araxia Abrahamian, lei stessa detentrice di tre nazionalità di tre diversi continenti, getta uno sguardo unico sul significato di cittadinanza nel XXI secolo.

© Reuters / Denis Balibouse

Il Freeport Geneva, un noto complesso di stoccaggio in Svizzera.

© Reuters / Denis Balibouse

Chi di noi può davvero diventare un cittadino globale? La giornalista Atossa Araxia Abrahamian, lei stessa detentrice di tre nazionalità di tre diversi continenti, getta uno sguardo unico sul significato di cittadinanza nel XXI secolo. Rende dolorosamente concreto il modo in cui i documenti d’identità — e la concessione o meno di una nazionalità — aumentano le disuguaglianze esistenti.

Questo articolo è stato tradotto da Kompreno, con il supporto di DeepL. L’articolo originale è stato pubblicato in olandese nel numero invernale 2022 della nostra rivista trimestrale. Accettiamo donazioni dai lettori per sostenere il nostro progetto mediatico no-profit, unico nel suo genere.

Non tutti ottengono gli stessi documenti e gli stessi diritti, e il libro di Atossa Araxia Abrahamian The Cosmopolites (2015) lo rende dolorosamente chiaro. In esso, ad esempio, parla di borse di studio che promuovono i cosiddetti programmi di cittadinanza per investimento: un modo per i super-ricchi di acquistare un’altra nazionalità. Mentre altri si trovano in fondo alla scala delle pratiche, come gli apolidi Bidoon negli Emirati Arabi Uniti: residenti nomadi di quel Paese, che non ottengono i diritti di cittadinanza che meritano da decenni.

Al contrario, i Bidoon ottengono documenti d’identità dalle — incredibile ma vero — Comore, un’isola a quattromila chilometri di distanza tra il continente africano e il Madagascar, che queste persone nemmeno conoscono. Questo dimostra bene come il commercio di documenti stia diventando sempre più un vero e proprio mercato.

© Jarrad Henderson

© Jarrad Henderson

Atossa Abrahamian

  • °1986

  • Autrice e giornalista

  • I suoi lavori sono stati pubblicati dal New York Times, dal New York Magazine, dalla London Review of Books, dalla Reuters e da Al Jazeera America.

  • Ha la cittadinanza svizzera, canadese e iraniana e vive da molti anni negli Stati Uniti (New York).

  • È cresciuta a Ginevra, in Svizzera, figlia di due dipendenti iraniani delle Nazioni Unite.

  • Ha studiato filosofia e ha conseguito un master in giornalismo investigativo alla Columbia University.

Tre giorni in Canada

Fin da giovane, Abrahamian ha guardato con occhi spalancati all’idea di nazionalità. Abrahamian ha origini iraniane, è nata in Canada ed è cresciuta a Ginevra. Oggi vive a New York. “Mi è sempre sembrato strano che la propria identità fosse definita dal luogo in cui si è nati. Per la maggior parte delle persone, il Paese di nascita è anche il Paese di nazionalità. Il luogo in cui si è nati determina in larga misura quanto si sarà o si potrà essere ricchi, su quanta istruzione si potrà contare, quanto si vivrà… È un fattore determinante nella vita di una persona, eppure può sembrare così arbitrario”.

Quando una decina di anni fa ha cercato di trasferirsi negli Stati Uniti, all’inizio non ci è riuscita. “Avevo detto che venivo dalla Svizzera. Ma poiché ho trascorso i primi tre giorni della mia vita in Canada, questo dato si è rivelato errato e la mia domanda per ottenere la green card (residenza negli Stati Uniti, ndr) è stata respinta”.

Il capo della sicurezza del presidente uruguaiano, ad esempio, avrebbe aiutato centinaia di cittadini russi a ottenere illegalmente passaporti uruguaiani.

Proprio allora, è stata invitata alla Global Citizenship and Residence Conference, l’evento annuale di massa per le persone e i Paesi che vendono passaporti, nonché per i super-ricchi che vogliono acquistarli. Così è nata l’idea del suo libro.

Molti anni dopo, il 16 novembre 2022, si è svolta la 16ª edizione di quella famigerta conferenza sui passaporti. “Da quando è stato pubblicato il libro, questi programmi non hanno perso il loro successo. Continuano a saltar fuori, semplicemente c’è molta richiesta”.

Link

Per dare un futuro al giornalismo di MO*, il sostegno di ogni lettore è più che mai necessario. Fate una donazione e sosteneteci nella nostra missione.

La società che ha organizzato la conferenza, Henley & Partners, riferisce di un aumento del 337% (!) delle vendite di passaporti a residenti negli Stati Uniti. Temendo il clima politico e sociale degli USA e/o la crisi climatica, i clienti acquistano la cittadinanza dalla Nuova Zelanda, dal Portogallo o da altri Paesi.

E poi, naturalmente, ci sono i super-ricchi russi che, dopo l’invasione dell’Ucraina, hanno visto chiudersi sempre più vie d’uscita per lasciare il Paese. Tra questi, è molto richiesta la cittadinanza della caraibica Grenada, il decimo Paese più piccolo del mondo. Con un investimento minimo di 150.000 dollari, il nuovo passaporto grenadiano consente di viaggiare senza visto verso destinazioni come la Cina, il Regno Unito e la zona europea di Schengen. Altri Paesi caraibici come Dominica, Antigua e Barbuda mantengono il divieto di richiedere il visto dalla Russia, ma Grenada lo ha già abbandonato pochi mesi dopo l’invasione russa dell’Ucraina.

Un’intera serie di Paesi in tutto il mondo sta istituendo programmi di questo tipo, dall’Egitto alla Turchia, dall’Austria a Santa Lucia. Il più delle volte, questi programmi sono anche oggetto di lotte politiche. Proprio negli ultimi mesi sono stati messi sotto accusa quelli di Malta, Vanuatu, Cipro e Bulgaria.

La corruzione riguarda, occasionalmente, anche il commercio di carte d’identità per i ricchi. Il capo della sicurezza del presidente uruguaiano, ad esempio, avrebbe aiutato centinaia di cittadini russi a ottenere illegalmente passaporti uruguaiani. L’uomo è stato arrestato a fine settembre ed è stata aperta un’indagine di polizia.

L’apice del neoliberismo

“Ci sono molte persone che comprano passaporti per viaggiare, altre li comprano per nascondere denaro o se stessi”, osserva Abrahamian. “O per avere una seconda identità con cui fare affari”.

È chiaro che i ricchi che vogliono un passaporto extra a pagamento ricevono un trattamento preferenziale. Ma altri sono apolidi sulla carta, non hanno una nazionalità. Anche i politici hanno un motivo per far uscire queste persone dalla loro situazione?

Abrahamian: No, perché questo significherebbe avere più cittadini da accontentare e farli godere dei benefici della cittadinanza. Se dipendesse da me, preferirei che le persone votassero in base al luogo in cui vivono piuttosto che alla nazionalità. Credo che questo creerebbe una società più democratica.

Nel mondo capitalistico competitivo, ha senso per loro entrare nel mercato e commercializzare la propria sovranità.

Possiamo parlare di una mercificazione dei diritti di cittadinanza, in linea con il pensiero neoliberista del libero mercato?

Abrahamian: Certamente. Si può vedere come una sorta di culmine del neoliberismo. Oppure si può vedere come un antico problema portato sul mercato: ci sono sempre stati i poveri nelle società. Ma forse stiamo andando verso un mondo in cui i poveri non solo sono poveri, ma non possono più contare sui loro diritti civili o politici. Per centinaia di anni non abbiamo avuto né passaporti né frontiere. Queste cose semplicemente non esistevano. Oggi che sono stati istituzionalizzati e sono diventati una parte importante della nostra vita, è logico che entrino anche nel mercato.

Quali sono i Paesi che puntano sui programmi di cittadinanza in cambio degli investimenti di cui ha scritto?

Abrahamian: Ci sono due tipi di Paesi. Da un lato, Paesi corrotti e poco trasparenti, dove il denaro (pagato per il passaporto, ndr) finisce nelle tasche di qualcuno. Dall’altro, ci sono Paesi che contano sulle entrate di questi programmi. Saint Kitts e Nevis, Dominica, Comore… Si tratta di Paesi piccoli, la cui più grande risorsa non sono le spiagge idilliache, ma il fatto di essere Stati sovrani. Nel mondo capitalistico competitivo, ha senso per loro entrare nel mercato e commercializzare la propria sovranità.

È affascinante pensare a cosa accadrà quando la crisi climatica sommergerà questi luoghi. Per essere riconosciuti come Paesi, non esiste un requisito minimo in termini di superficie. Quindi, nonostante tutte le notizie apocalittiche, credo che questi Stati continueranno a esistere. Semplicemente non saranno più abitabili. Ma potranno mantenere il loro seggio alle Nazioni Unite per molto tempo ancora e continuare questa strategia. Ciò solleva domande affascinanti su cosa significhi essere uno Stato.

Rifugi per chi ha soldi

I Paesi europei hanno chiuso le porte ai russi in fuga dai loro Paesi. Ma chi è abbastanza ricco troverà molte scappatoie. I politici europei credono davvero che sia meglio che i russi rimangano a casa per opporsi a Putin e alla sua gente? Ignorano convenientemente che ciò è impossibile in un Paese così poco democratico.

Abrahamian: Questo atteggiamento europeo non ha senso. Credo che nessuno pensi davvero che Putin sarà deposto grazie a una rivolta popolare. Come se a lui importasse. A lui va bene uccidere un sacco di persone. Giusto? L’Unione Europea non vuole far entrare altre persone. Per le strade di Ginevra, le auto di lusso con targa russa stanno accanto a quelle con targa ucraina. I super-ricchi trovano il loro posto nel mondo e vi si trasferiscono senza problemi.

Il libro a cui sto lavorando riguarda i flussi di capitale. È un libro sui luoghi del mondo in cui le regole sono diverse dal resto della nazione. Sto cercando di far capire che la dicotomia tra nazionalismo e globalismo non è una rappresentazione accurata del modo in cui funziona il mondo.

Prendiamo la Svizzera, dove sono cresciuta. Sembra un Paese vecchio e conservatore, con regole severe. Ma in Svizzera ci sono luoghi di ogni tipo, in cui le regole sono state sospese o modificate. Si tratta di porti franchi, le cosiddette “zone economiche speciali”.

Per molto tempo, persino le banche svizzere sono state luoghi a cui lo Stato non aveva per forza accesso. Le persone di potere possono avere la botte piena e la moglie ubriaca. Questi luoghi permettono loro di beneficiare di uno stato di diritto con buoni servizi pubblici, ma non devono pagare le tasse o retribuire i lavoratori secondo gli obblighi di legge.

Sono questi i luoghi in cui si incontrano la criminalità organizzata e l’economia tradizionale?

Abrahamian: Assolutamente sì. Guardate Freeport Geneva (un noto complesso di magazzini privati, ndr), dove la gente accumula tutte le cose che non può trasferire alle Isole Cayman. Opere d’arte costose, vini, automobili… Sappiamo che la criminalità organizzata opera anche lì.

Molti politici invocano un passato immaginario di confini chiusi e di un mitico Stato nazionale unito che non è mai esistito.

Lei ha sottolineato la falsa dicotomia tra nazionalismo e globalizzazione. Ma non è palese nella retorica dei politici, vero?

Abrahamian: Direi che i nazionalisti più accesi sono quelli che hanno più interesse in luoghi come questo. I porti franchi, secondo le campagne per la Brexit, erano uno dei modi in cui il Regno Unito avrebbe potuto compensare la perdita di scambi con l’Unione Europea dopo la Brexit. Il termine “porto franco” ha significati diversi in luoghi diversi, e nel Regno Unito è una zona economica speciale esente da dazi doganali. Persone come Boris Johnson e Rishi Sunak (attuale primo ministro britannico, ndr) stanno sponsorizzando il nazionalismo, ma tagliano fuori parti del Paese al servizio di investitori e industrie straniere. A mio avviso, questo è un esempio perfetto di come ci siano spazi in cui si incontrano ideologie nazionaliste e globaliste. E non è una buona miscela.

Il mito dello Stato nazionale unito

Come possiamo proteggere i benefici della globalizzazione?

Abrahamian: Un passo importante è rendere più facile per i poveri trasferirsi in un altro Paese. Ma l’architettura per questo manca, e non riesco a immaginare che possa essere creata oggi. Molti politici invocano un passato immaginario di confini chiusi e di un mitico Stato nazionale unito che non è mai esistito.

È il mito dell’Ordine di Westfalia: una lettura ottocentesca ed errata della Pace di Westfalia (che pose fine a diverse guerre in Europa occidentale nel 1648, ndr) che avrebbe dovuto legittimare gli Stati nazionali allora emergenti. Come se il 1648 avesse preannunciato un periodo di Stati sovrani pacifici, libertà religiosa e integrità territoriale… In realtà, la Pace di Westfalia non conteneva nessuna di queste componenti. Il mondo era molto più complicato allora, come lo è oggi.

La contrattazione dei documenti d’identità e la disuguaglianza che ne deriva non sono un problema urgente per i politici, ma la disuguaglianza sta crescendo. Quanto è grave questa situazione? In futuro i diritti civili, compresa la possibilità di viaggiare, diventeranno un bene di lusso?

Abrahamian: Lo sono già oggi. Per salire su un aereo o ottenere un visto servono soldi. Penso che sarà difficile togliere alla classe media le vacanze last-minute, non credo che questo accadrà presto. Si possono immaginare ghetti abitati solo da persone ricche, una sorta di segregazione pervasiva basata sul capitale. Ma le società non funzionano così.

Qui negli Stati Uniti abbiamo assistito a una carenza di manodopera, perché a un certo punto la gente non era più disposta a lavorare per salari con cui non avrebbe potuto vivere nello stesso posto. Non c’erano abbastanza persone che accettassero i lavori a bassa retribuzione. Ma tutti dipendono da queste persone ogni giorno, dagli autisti di autobus agli insegnanti, agli infermieri. Credo che alcuni dei super ricchi abbiano ormai capito che c’è bisogno di queste persone. In definitiva, bisogna assicurarsi che le persone possano almeno pagare l’affitto e comprare il cibo, perché altrimenti non potrebbero lavorare per voi.

Riesce a immaginare la fine della cittadinanza e degli Stati nazionali?

Abrahamian: Questa domanda mi ricorda una citazione di Fredric Jameson e Slavoj Žižek: “È più facile immaginare la fine del mondo che la fine del capitalismo”.